Oggi è 7 dic 2022, 23:15
   
Text Size
Login

Nova Cassiopeiae 2021 un anno e mezzo dopo

Le nuove tecniche per studiare e comprendere la natura di tanti fenomeni celesti.

Messaggioda Giorgio Clemente » 21 nov 2022, 12:02

Dopo un lungo periodo di inattività ho trovato del tempo per vedere cosa fosse successo alla Nova CAS 2021.

Questo il setup

Diapositiva1.PNG


e questo lo spettro risultante, dopo aver rispolverato ISIS con l'aiuto graditissimo dell'amico Paolo Berardi

Diapositiva2.PNG


Questo lo spettro di oggi confrontato con quanto ripreso 18 mesi fa...

Diapositiva3.PNG


Ci sono, come avremmo dovuto aspettarcelo, diverse linee d'emissione.
Con il FL70S in parallelo ho stimato anche la magnitudine (ph. V JC) della Nova

AF (1).PNG


e queste le misure (dopo aver calibrato astrometricamente e "fotometricamente" con AstroArt 7 e l'UCAC4; PS ari grazie Paolo) poco dopo l'esplosione della Nova ed oggi.

AF (2).PNG


AF (3).PNG


Saluti stellari
Giorgio
Giorgio Clemente
Utente Junior
 
Messaggi: 72
Iscritto il: 3 feb 2020, 14:25

Messaggioda Paolo » 22 nov 2022, 17:55

Eccolo dunque, avevo visto solo il risultato di pochi frame. Hai elaborato anche la fotometria, molto bene! Puoi anche provare a scalare i profili per esprimere le intensita’ in flusso assoluto.

Il profilo esibisce le righe della fase nebulare. Probabilmente la nova si avvia lentamente verso la quiescenza. Incredibile quanto e’ lento questo evento (pure condito da tanti “re-brightenings”)…

Come ti dicevo, penso che avresti ottenuto un SNR migliore con subpose piu’ lunghe, a parita’ di integrazione totale. Ad esempio suddividendo in due o tre frame solamente. Il rumore di lettura della tua camera purtroppo non e’ trascurabile.

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 7736
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda Giorgio Clemente » 24 nov 2022, 12:38

Grazie Paolo per la tua risposta e per i graditi suggerimenti.
Per la prossima ripresa spettrografica della nova, o di oggetti deboli, oserò di più (promesso ;) ) aumentando la durata delle subpose e riducendone il numero, questo per ridurre il "readout noise" (RN) altrimenti sommato e "ripetuto" più volte. Grazie per questa osservazione :)
Tale rumore, come noto, al netto di bias e thermal noise penalizza le pose corte! La mia "datata" SXVR-H18 (KAF8300) ha un "ridotto" ma non trascurabile RN (stiamo intorno ai 7 e- per pixel) rispetto alle vecchie ST4 o ST6 non dotate di CDS e affette da RN di centinaia di e- per pixel...
C'è da dire che per il mio primo spettro di una stella oltre l'11ma, con la strumentazione in possesso, visto che il fondo cielo era piuttosto chiaro ho preferito aumentare il numero di pose riducendone l'esposizione, pur sapendo di avere un risultato finale più "rumoroso", temendo che il rumore del fondo cielo velasse completamente, in ogni posa, il debole segnale della nova...
Farò delle prove, appena ho del tempo, per vedere fino a che punto posso "premere sull'acceleratore".
Stesso dicasi per scalare i profili per esprimere le intensita’ in flusso assoluto.
Giorgio
Giorgio Clemente
Utente Junior
 
Messaggi: 72
Iscritto il: 3 feb 2020, 14:25

Messaggioda umberto » 24 nov 2022, 18:40

Complimenti Giorgio ti vedo di nuovo operativo!
Umberto
umberto
Quasar Guru
 
Messaggi: 1563
Iscritto il: 11 gen 2011, 23:07


Torna a Spettroscopia, Radioastronomia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron

Chi c’è in linea

In totale ci sono 2 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 2 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 382 registrato il 13 nov 2022, 14:26

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Login Form