Oggi è 18 ott 2021, 10:40
   
Text Size
Login

il dopo Hubble: James Webb Telescope!

Abbiamo portato i nostri strumenti oltre l'atmosfera terrestre. Parliamo delle affascinanti missioni scientifiche.

Messaggioda Marco Di Lorenzo » 31 gen 2014, 21:56

Il 2018 non è più così lontano ed è quindi opportuno aprire un thread dedicato a quello che tutti considerano il naturale successore del telescopio Hubble (a dire il vero, dato che lavorerà anche lui in zona di librazione L2 e avrà solo occhi infrarossi, io lo considererei più il successore di Herchel!).
http://www.nasa.gov/mission_pages/webb/ ... uv8oEPwDzp
La notizia del giorno è che il 18mo e ultimo specchio è appena arrivato al Goddard Space Flight Center e sta per essere assemblato con tutti gli altri per formare un'unica struttura dal diametro di 6.5m, dunque il doppio di Herschel e 2.7 volte Hubble! Si tratta di specchi molto speciali, di forma esagonale e fatti di berillio rivestito di oro :-o ; ecco una "foto di famiglia":
http://www.nasa.gov/images/content/6925 ... _black.jpg
Avatar utente
Marco Di Lorenzo
Quasar Guru
 
Messaggi: 2594
Iscritto il: 25 gen 2007, 0:07

Messaggioda Domenico1984 » 1 feb 2014, 15:12

Caspita!!! ma l'Hubble che fine farà? Lo abbandoneranno nell'universo? Poi xkè, non è più buono?
Domenico1984
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 1079
Iscritto il: 30 ago 2013, 9:00

Messaggioda Marco Di Lorenzo » 1 feb 2014, 16:39

Hubble doveva andare in pensione proprio quest'anno ma per ora è in buona salute ed è probabile che lavorerà ancora per qualche anno, forse addirittura sovrapponendosi al JWST... però ha il destino segnato: come è già successo a Kepler e ad altre importanti missioni, ad un certo punto si verificherà un guasto alle reaction wheel (che sono le parti mobili più soggette ad usura) e a quel punto, essendo incapace di orientarsi e stabilizzarsi, morirà di vecchiaia perchè non sono previste altre missioni di riparazione.
Purtroppo, non si "perderà nell'universo", anche se sarebbe molto romantica come fine... dato che si trova comunque in orbita bassa, è destinato ad abbassarsi ulteriormente per attrito areodinamico fino a rientrare nell'atmosfera tra una decina d'anni. Siccome è una affare piuttosto grosso e pesante, rischia pure di fare danni in caso di rientro incontrollato (Hubble non possiede razzi per manovrare!) e per questo, durante l'ultima "servicing mission" nel 2009, gli astronauti hanno installato nella parte posteriore un dispositivo di aggancio; l'idea è quella di lanciare apposta un satellite robotico nei prossimi anni per agganciarlo e provocare un rientro controllato nell'oceano ma, per quanto ne so, questa missione non è stata per ora pianificata e non so se ci saranno i fondi per finanziarla... :-s
http://www.deepastronomy.com/how-the-hu ... video.html

PS: anche in caso di rientro incontrollato noi non rischieremo nulla poichè l'orbita è poco inclinata e non porta mai Hubble sopra una latitudine di 28.5° (la stessa di Kape Kennedy)... anche per questo motivo, sospetto che la costosa missione di rientro controllato non si farà dato che le zone "minacciate" sono quasi tutte poco abitate o comunque in paesi meno sviluppati alle prese con problemi più seri (considerazione forse un pò cinica!).
Avatar utente
Marco Di Lorenzo
Quasar Guru
 
Messaggi: 2594
Iscritto il: 25 gen 2007, 0:07

Messaggioda Domenico1984 » 1 feb 2014, 19:10

Peccato non poterlo salvare!!!! Se avessi i soldi finanzierei tutte le riparazioni del caso e lo farei diventare la mia postazione fissa :) :) :)
Domenico1984
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 1079
Iscritto il: 30 ago 2013, 9:00

Messaggioda Paolo » 1 feb 2014, 19:45

Bravo Marco, tra non molto ci approssimeremo ai momenti piu' avvincenti di questa importantissima missione, hai fatto bene ad aprire con un certo anticipo il topic. A quanto pare, nonostante la crisi generalizzata, stiamo vivendo un eccezionale momento per la ricerca astronomica e spaziale. Meno male che ci sono gli innumerevoli canali mediatici (soprattutto sul web) che consentono di seguire in grande dettaglio ogni fase. Fantastico! :ymhug:

Ciao
Paolo

PS: siamo contributori anche qui con il trasponder in banda S. Abbiamo le zampe dappertutto! ;)
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 7680
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda Marco Di Lorenzo » 1 feb 2014, 22:08

Paolo, voi dell'Alenia siete peggio della mafia, avete le mani in pasta ovunque! :))
Domenico, la tua proposta di riparare di nuovo HST è simile a quella fatta 6-7 anni fa, quando alcuni scenziati riuscirono a creare un diffuso movimento nell'opinione pubblica che portò effettivamente alla riesumazione dell'ultima "servicing mission" cui accennavo; se non si fosse fatto, ora probabilmente HST sarebbe già morto!
Adesso però i tempi sono cambiati e una simile missione non ha molto senso per almeno 3 buoni motivi:
1) Gli Shuttle sono andati in pensione da un pezzo e, per ora, non esiste un veicolo analogo in grado di portare un equipaggio di astronauti addestrati con tutte le attrezzature per poter effettuare una riparazione/aggiornamento efficace.
2) Tutti gli sforzi, anche economici, sono ora concentrati su altri progetti e in particolare sul JWST, il quale ha rischiato più volte di venire soppresso per il vertiginoso aumento dei costi (si parla di 6-7 miliardi di $ contro i 2.5 di HST).
3) Sebbene Hubble continui a sfornare fotografie mozzafiato e ad effettuare misure preziosissime, i telescopi a terra stanno rapidamente colmando la distanza grazie alle ottiche adattive e, tra pochi anni, non ci faranno più rimpiangere le prestazioni dei telescopi spaziali, almeno in banda visibile e nel vicino infrarosso!
L'ultimo punto fa capire perchè adesso, con Herchel e James-Webb, si punti sui telescopi spaziali infrarossi. Del resto è lì che si concentrano gran parte dei campi di ricerca più "alla moda", in particolare gli eso-pianeti e le galassie estremamente distanti (la cui radiazione è spostata nel medio infrarosso per l'elevato red-shift); nell'infrarosso medio-lontano l'atmosfera e la radiazione termica impediscono ai telescopi terrestri di competere!
Avatar utente
Marco Di Lorenzo
Quasar Guru
 
Messaggi: 2594
Iscritto il: 25 gen 2007, 0:07

Messaggioda Capturer of Planets » 3 feb 2014, 1:16

Sono proprio curioso di vedere cosa tirerà fuori James con il potenziale che ha.
Qualcuno sa se sono previsti dei test per verificare il corretto funzionamento delle ottiche? tutto ciò, per evitare un Hubble bis.
Capturer of Planets
Utente Junior
 
Messaggi: 69
Iscritto il: 4 ago 2013, 22:49

Messaggioda Marco Di Lorenzo » 3 feb 2014, 8:40

Ottima osservazione, tanto più che non sarà possibile ripararlo una volta lanciato, come invece fu fatto per Hubble!
Credo che faranno tantissimi controlli sulla superficie degli specchi, i quali sono comunque orientabili singolarmente dopo il lancio, se non sbaglio...
Avatar utente
Marco Di Lorenzo
Quasar Guru
 
Messaggi: 2594
Iscritto il: 25 gen 2007, 0:07

Prossimo

Torna a Astronautica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Chi c’è in linea

In totale c’è 1 utente connesso :: 0 iscritti, 0 nascosti e 1 ospite (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 152 registrato il 20 set 2020, 12:49

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Login Form