Oggi è 21 ago 2019, 0:21
   
Text Size
Login

GAIA: Luci dalla Galassia - Musica e Scienza

Gli eventi importanti del calendario astronomico. Il punto di partenza per organizzare attivita' di gruppo.

Messaggioda Paolo » 3 giu 2019, 13:21

Ciao a tutti. A L'Aquila, presso l'Auditorium del Parco del Castello, mercoledi 5 giugno ci sara' una interessante manifestazione sulla missione Gaia.

DEFINITIVO-locandina-GAIA.jpg


...l’International School of Space Science, ha inteso anche inserirsi nel quadro delle manifestazioni per il decennale del sisma, organizzando, in collaborazione con la "Società dei Concerti Barattelli" e con l’Università di L’Aquila, una serata, aperta al pubblico, di grande interesse culturale.

La manifestazione, dal titolo "GAIA: Luci dalla Galassia” si svolgerà presso l'Auditorium del Parco del Castello, nella serata del 5 Giugno, con inizio alle ore 21: dopo un’introduzione del Prof. Villante, il prof. Mario G. Lattanzi, dell'Istituto Nazionale di Astrofisica, Osservatorio Astrofisico di Torino, tratterà temi astrofisici in alternanza con temi musicali proposti da Eleonora Bianchini (voce), Enzo Pietropaoli (basso), Julian Olivier Mazzariello.
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 7211
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda umberto » 3 giu 2019, 22:54

Grazie Paolo, bisogna essere presenti. Umberto
umberto
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 1233
Iscritto il: 11 gen 2011, 23:07

Messaggioda umberto » 6 giu 2019, 15:28

Luci dalla galassia.JPG


IMG-20190606-WA0000.jpg



Salve a tutti, ringraziando Paolo per l'info e dispiaciuti per la sua assenza, ieri sera Saverio ed io ci siamo recati presso l'Auditorium del Parco del Castello di L'Aquila per assistere alla manifestazione della missione Gaia che si è svolta in occasione del decennale del sisma del 2009.
Questo interessante evento ha avuto iniziativa dalla Società Aquilana dei Concerti "B.Barattelli", dalla Università degli Studi di L'Aquila e dall'Istituto Nazionale di Astrofisica/Osservatorio Astrofisico di Torino.
Proprio in questi giorni, sotto la guida di autorevoli scienziati, si sta svolgendo una attività di formazione avanzata a livello internazionale, con la partecipazione di una cinquantina di giovani ricercatori selezionati da tutto il mondo, organizzata come ogni anno ormai da trenta anni dalla International School of Space Science fondata e diretta dal Prof.Umberto Villante dellUniversità dell'Aquila.
Proprio il Prof.Villante ha introdotto la manifestazione che ha inteso portare a conoscenza al numeroso pubblico presente il lavoro e la ricerca che si sta facendo per ottenere una vista senza precedenti della nostra Galassia mediante le osservazioni della missione spaziale del satellite europeo GAIA, in orbita dal 19 dicembre 2013, pienamente operativo.
Lo scienziato Prof.Mario Gilberto Lattanzi, Dirigente di ricerca dell'INAF-Oss.Astrofisico di Torino ha svolto poi una presentazione in cui sono stati messi in evidenza gli obiettivi, le tecniche e gli strumenti che si stanno utilizzando con la missione GAIA, della quale è stato uno degli ideatori.
In breve sintesi, lo scopo principale della missione è quello di superare le precedenti rappresentazioni bidimensionali della nostra Galassia e pervenire ad una rappresentazione tridimensionale, quantomeno per uno spazio di 30.000 anni luce, mediante una accurata e precisa misurazione astrometrica delle distanze degli oggetti celesti, che tiene conto anche degli effetti della distorsione dello spazio-tempo intuita da Albert Einstein.
Questo è reso possibile dalla capacità di GAIA di misurare l'ampiezza di angoli di parallasse dell'ordine di nanometri, infinitamente più piccoli di quanto era nelle possibilità del grande Eratostene, misure impossibili quindi da realizzare finora, ma adesso accessibili per mezzo di un enorme CCD di circa un metro per 70 cm, un gioiello pressochè unico al mondo realizzato interamente in Europa e presente sul satellite.
Con GAIA è possibile anche individuare pianeti extra-solari e rivelarne le caratteristiche al fine, perchè no, di future anche se lontane o lontanissime possibilità di colonizzazione umana.
L'accuratezza delle rilevazioni che tende alla creazioni di vere e proprie mappe astrometriche spaziali, alla stregua dell'impegno dei primi cartografi che tracciarono le rotte del nostro mondo, potrà consentire anche una riflessione sulla "gabbia di Einstein", come la definisce il Prof.Lattanzi, rappresentata dal problema dell'insuperabilità della velocità della luce, un limite, una "gabbia" appunto che ora può permettere solo immaginari viaggi galattici.
La piacevole serata si è conclusa con le musiche e il canto di un bel Trio formato da bravissimi, importanti artisti, che ci hanno allietato con l'ascolto di pezzi jazz intonati alla serata, quali, fra gli altri, "the sound of silence", "walking on the Moon" e la stupenda "Imagine" di J.Lennon.
Saluti
Saverio ed Umberto
umberto
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 1233
Iscritto il: 11 gen 2011, 23:07

Messaggioda Paolo » 7 giu 2019, 19:57

Wow, grazie per il bellissimo report!
Queste sono iniziative molto importanti che permettono di diffondere al meglio lo stato dell'arte della ricerca scientifica. Mi ricordo che di Gaia ne hanno parlato anche diversi giornalisti ma una conferenza (anche se di base) tenuta da uno dei resposabili di missione, come si dice, non ha prezzo!

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 7211
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda Alessandro » 9 giu 2019, 0:38

Grazie per aver condiviso l'evento con questo bellissimo ed interessante report.

Saluti,

Alessandro
Alessandro
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 486
Iscritto il: 30 giu 2015, 20:35
Località: Roma / L'Aquila


Torna a Appuntamenti e Attività

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron

Chi c’è in linea

In totale ci sono 2 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 2 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 58 registrato il 20 ott 2018, 16:27

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Login Form