Oggi è 23 gen 2018, 19:39
   
Text Size
Login

Stella simbiotica R Aquarii

Le nuove tecniche per studiare e comprendere la natura di tanti fenomeni celesti.

Messaggioda umberto » 15 ott 2017, 18:46

Ciao Lorenzo, anch'io sto monitorando questa simbiotica.Posto il profilo di ieri sera 14-10-2017 Saluti Umberto

raqr_20171014_819_Umberto Sollecchia.jpg
Ultima modifica di umberto il 16 ott 2017, 14:41, modificato 1 volta in totale.
umberto
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 902
Iscritto il: 11 gen 2011, 23:07

Messaggioda umberto » 16 ott 2017, 11:31

Buon giorno a tutti, il profilo di ieri sera 15-10-2017 ed una comparazione tra tutte le mie osservazioni di questo mese.Restiamo in attesa del riscontro di queste nostra collaborazione, in concomitanza alle osservazioni dei satelliti CHANDRA e HST, richieste dalla prof. Margarita Korovska (Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics
Saluti. Umberto

raqr_20171015_848_Umberto Sollecchia.jpg


raqr - Comparazione - Umberto Sollecchia.jpg
umberto
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 902
Iscritto il: 11 gen 2011, 23:07

Messaggioda Paolo » 16 ott 2017, 16:04

Il periodo delle osservazioni intensive e' terminato. Da adesso e' richesto solo uno spettro di R Aqr a settimana fino a fine novembre.

Credo che abbiamo fatto un buon lavoro (almeno abbiamo fatto del nostro meglio!). Speriamo che i nostri spettri, assieme a quelli degli altri osservatori ARAS, siano utili alla campagna R Aquarii lanciata da Margarita Korovska.

L'ultimo spettro e' del 15 ottobre (sabato non ho potuto osservare).

raqr_20171015_768_PB.png

Nel periodo 11-15 ottobre i miei profili non evidenziano grandi variazioni (almeno a colpo d'occhio, bisogna poi vedere quando verranno analizzati). Anche le magnitudini BVRI di AAVSO mi sembra che abbiano un'andamento piuttosto stabile.

Questo e' il plot degli spettri a livello del continuo.

raqr_comp1_PB.png

Anche al livello dei picchi (H-beta e doppietto [O III] non si evidenziano grandi differenze. O meglio, qualcosa c'e' ma e' largamente dipendente dalla zona in cui si normalizza il continuo nelle vicinanze delle righe (assai poco definito), quindi non mi sembra un dato significativo (parlo anche delle variazioni di EW). PlotSpectra e' molto utile per verificare questo aspetto, permette infatti di normalizzare un insieme di profili in qualunque regione del continuo con una rapidita' estrema (selezione e click del mouse).

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6599
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda Paolo » 20 ott 2017, 0:25

Avete mai visto uno spettro coi baffi? Eccovelo!

R_Aqr_2dspec_PB.jpg

Posizionando la stella R Aqr nella sezione larga della fenditura (300 micron), sul piano focale finisce l'immagine comprensiva del jet bipolare che si estende spazialmente verso nord-est e sud-ovest. I gas associati, visibili nello spettro, sono l'idrogeno e l'ossigeno. Si nota come le rispettive regioni nebulari abbiano una forma leggermente diversa. Da questa esperienza di capisce che l'ossigeno [O III] e' particolarmente intenso e probabilmente, volendo catturare l'immagine della nebulosa Cederblad 211 in una fotografica classica, non sarebbe male interporre un filtro O III a banda stretta (anche l'H-alfa dovrebbe comunque funzionare).

Un eventuale confronto tra l'immagine diretta e quella dispersa dal reticolo potrebbe evidenziare, se lo spostamento Doppler si manifesta sufficientemente, quali regioni si avvicinano e quali si allontanano da noi. Da provare...

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6599
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda SergioMauro » 20 ott 2017, 10:46

bin_simb_raqr_ 20171019_983_S.Moltomoli.jpg


Visto che le simbiotiche sono così interessanti credo che ne faremo ancora tante. Questa l'abbiamo ripresa ieri sera con il reticolo da 300llmm, magari la prossima proveremo con il 600llmm. Quando i risultati ti confortano aumenta l'entusiasmo. :D
Sergio
SergioMauro
Utente Junior
 
Messaggi: 36
Iscritto il: 13 ago 2017, 17:48

Messaggioda Paolo » 20 ott 2017, 14:29

Complimenti Sergio, ottimo spettro! Con il 600 l/mm spazzolate se potete le regioni h-beta (+ ossigeno) e H-alfa. Anche le emissioni nel blu sono interessanti ma sono molto piu' deboli e credo difficili a quella dispersione spettrale.

Per profili come questo che hanno una grande differenza di intensita' tra il continuo e i picchi di emissione, puoi utilmente produrre due grafici, uno che comprende i picchi (con il continuo invisibile perche' schiacciato in basso dalla scala) e un'altro che evidenzia solo le variazioni del continuo (come quello che ci hai mostrato, dove H-alfa e [O III] sono tagliati.

In alternativa puoi produrre un solo grafico a doppia scala.

Basta caricare due volte lo stesso profilo in PlotSpectra. Premi il tasto funzione F4, selezioni la seconda riga e poi il pulsante di opzione Secondary axis. Da qui puoi cambiare anche il colore dei profili.

assi_x2.PNG

Premendo OK il grafico visualizza i due profili in modo simile a questo:

test1.png

PlotSpectra in questo caso ha impostato il valore massimo delle intensita' per il secondo profilo (sul lato destro) a 14. A me non piace perche' troppo alto (il profilo e' ancora schiacciato).

Premendo il tasto funzione F1 c'e' modo di cambiarlo.

assi_x2b.PNG

Io ho cambiato il valore da 14 a 3 con cui ottengo il seguente grafico finale:

test2.png

Spero sia utile. Fammi sapere se ci sono problemi.

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6599
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda SergioMauro » 20 ott 2017, 16:01

Caspita se è utile, ho prato non so quante volte a presentare il profilo con PlotSpectra come fate voi e non ci sono mai riuscito.
Finalmente ora lo potrò farlo. Grazie della dritta.
Sergio
SergioMauro
Utente Junior
 
Messaggi: 36
Iscritto il: 13 ago 2017, 17:48

Messaggioda SergioMauro » 20 ott 2017, 16:27

bin_simb_raqr_ 20171019_983_S.Moltomoli_2.jpg

:ymapplause: Sergio
SergioMauro
Utente Junior
 
Messaggi: 36
Iscritto il: 13 ago 2017, 17:48

Messaggioda miror » 20 ott 2017, 17:01

Salve a tutti,
rientro a regime dopo un lungo periodo di pausa estiva.
Molto significativa la dispersione con i "baffi" di Paolo e al solito molto interessanti e ricchi di spunto i suoi post .
Ieri sera mi sono cimentato a ricavare lo spetto di questa esotica simbiotica che sembra stia dando i meglio di se' a giudicare dall'intensità crescente delle righe UV e dell' OIII.
Avete da segnalare paper da leggere? Da una ricerca veloce ho ritrovato questo del 2009 : The spectroscopic orbit and the geometry of R Aquarii
Anche questo lungo lavoro appena trovato: http://uu.diva-portal.org/smash/get/div ... TEXT01.pdf
Allegati
R Aqr.jpg
miror
Utente Junior
 
Messaggi: 50
Iscritto il: 12 apr 2015, 21:22

Messaggioda LFranco » 21 ott 2017, 10:36

Ciao miror, ben rientrato.
L'articolo mi sembra interessante e completo ... anche lo spettro è buono.
Lo leggerò con attenzione.
Grazie
Lorenzo Franco
Avatar utente
LFranco
Utente Attivo
 
Messaggi: 299
Iscritto il: 8 ago 2015, 0:51

Messaggioda umberto » 21 ott 2017, 12:30

Grazie Miror per l'info.Umberto
Ultima modifica di umberto il 24 ott 2017, 0:44, modificato 1 volta in totale.
umberto
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 902
Iscritto il: 11 gen 2011, 23:07

Messaggioda LFranco » 21 ott 2017, 23:30

Ciao,
ecco la mia ultima osservazione di ieri sera.
Saluti
Lorenzo Franco
Allegati
_raqr_20171020_893_LFranco.png
Spettro R Aqr
Avatar utente
LFranco
Utente Attivo
 
Messaggi: 299
Iscritto il: 8 ago 2015, 0:51

PrecedenteProssimo

Torna a Spettroscopia, Radioastronomia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Chi c’è in linea

In totale c’è 1 utente connesso :: 0 iscritti, 0 nascosti e 1 ospite (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 56 registrato il 10 mag 2015, 22:36

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Login Form