Oggi è 25 nov 2020, 20:52
   
Text Size
Login

Prova di un CMOS

Le nuove tecniche per studiare e comprendere la natura di tanti fenomeni celesti.

Messaggioda Paolo » 18 set 2020, 12:00

Quadra tutto con quanto aveva riportato C. Buil nel test della camera. Nel blu la ASI183MM e’ molto performante, meno nel rosso. Quindi alcuni soggetti possono beneficiarne, altri meno (le stelle rosse di Flavio!).

A mio avviso fate bene ad impiegare il binning, avete un fattore 2x sul rapporto s/r in bin 2x2, superiore se in 3x3 o maggiore, fino al limite di un campionamento corretto (senza binning immagino avete un forte sovracampionamento).

Certamente la nuova tecnica di Buil aiuta a mantenere consistenza dei dati rispetto al binning (software) in acquisizione. Tenendo conto che con i cmos il binning in fase di acquisizione e quello in post elaborazione offrono lo stesso guadagno di snr, e’ senz’altro conveniente acquisire senza binning (unico problema il peso su hard disk dei frame), fare il prettattamento e poi effettuare il binning 2x2 o 3x3 prima dell’estrazione del profilo. E’ cio’ che fa la procedura dedicata ai cmos, con l’aggiunta di alcuni processi cosmetici.

Per quanto riguarda il glow, credo che se il tuo spettro e’ decentrato rispetto al frame, ad esempio il rosso e’ piu’ vicino al bordo (in cui si forma il glow), puoi utilmente girare l’alpy di 180 gradi rispetto alla camera per portarlo dal lato del blu, dove risultera’ piu’ lontano dalla luminescenza. Se lo spettro utile e’ invece gia’ centrato nel frame, c’e’ poco da fare...

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 7508
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda SergioMauro » 6 ott 2020, 10:45

Tempi duri questi per gli astrofili. Non so nelle altre parti d’Italia, ma qui nel Veneto le perturbazioni arrivano una dietro l’altra senza tregua, lasciandoci orfani del più bel paesaggio del mondo.
Giorni fa Flavio è salito in osservatorio per girare l’Alpy in modo che l’elettroluminescenza cada nella parte blu dello spettro dove disturba molto meno, e complice di una piccola apertura sul Cigno ha colto al volo l’occasione per osservare Albireo. Purtroppo non ha fatto a tempo a riprendere la stella di calibrazione e abbiamo dovuto arrangiarsi. D’altra parte la voglia di capire come funziona questo CMOS fa accettare anche dei compromessi.
Gli spettri sono stati ripresi con tempi brevissimi (30s) e in binning 1x1, e dopo aver girato gli spettri, per la calibrazione Flavio ha seguito la procedura spiegata da Buil ottenendo un ottimo risultato. E’ un modo piuttosto complesso ma il risultato è appagante. Un altro problema è che la grande quantità di spettri necessari e lavorando in binning 1 rende il tutto molto pesante (più di un Gb).
Qui sotto il risultato dell’osservazione:

Curva stella calib. .png

Curva di calibrazione di una stella di classe K III del catalogo Miles

PRNU.jpg

Risultato dell’immagine PRNU

albireo_20200929_981_.png

Spettro di Albireo

Albireo confronto.jpg

Confronto del nostro spettro con lo spettro di una stella del catalogo Miles della stessa classe di Albireo.


Ora non ci resta altro che sperare che a breve il meteo ci permetta di provare la nuova procedura su oggetti deboli.
Sergio
SergioMauro
Utente Attivo
 
Messaggi: 152
Iscritto il: 13 ago 2017, 17:48
Località: Verona

Messaggioda Paolo » 26 ott 2020, 23:35

Un bel test analitico sulle capacita' della ASI183MM.

http://www.spectro-aras.com/forum/viewt ... 660#p14897

Notare l'incremento di SNR con la tecniche speciali rispetto al solo binning 2x2.

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 7508
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda SergioMauro » 5 nov 2020, 22:00

Stiamo continuando le prove di vari CMOS per trovarne uno il cui rapporto costo/prestazioni sia il più favorevole possibile, per poi installarlo su l’Alpy600.
Abbiamo provato per un paio di mesi l’ASI 183MM i cui risultati sono stati senza dubbio all’altezza delle aspettative, ma che richiedeva in ISIS, come spiegato da Christian Buil, un aggravio di lavoro non indifferente per ottenere il massimo rendimento.
Ora stiamo provando l’ASI 294. Una camera a 14 bit che sembra sia ancora più sensibile e che sembra dia risultati ancora più performanti.
I primi spettri calibrati, adoperando ISIS nel modo tradizionale, sembrano decisamente buoni, come vedete sotto. Naturalmente per dare un giudizio dovremo farne altri in modo da avere la certezza di fare una buona scelta.

axpersey_202010301_000_OSS Monte Baldo.png



zandromeda_20201031_052_OSS Monte Baldo.png



Un saluto tutti
Sergio
SergioMauro
Utente Attivo
 
Messaggi: 152
Iscritto il: 13 ago 2017, 17:48
Località: Verona

Messaggioda Paolo » 7 nov 2020, 14:35

Ottimo Sergio! Ho avuto modo di parlare con Flavio che mi ha raccontato delle prove con la 294. E' una camera molto buona. Il pixel di dimensione superiore, che tende verso il campionamento corretto, porta grandi vantaggi in termini di SNR. Io spero che in una prossima versione ISIS riesca a svolgere automaticamente tutti i passaggi per l'ottimizzazione CMOS. Ad oggi mi rendo conto dell'aggravio di lavoro di cui parli...

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 7508
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Precedente

Torna a Spettroscopia, Radioastronomia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron

Chi c’è in linea

In totale ci sono 3 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 3 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 152 registrato il 20 set 2020, 12:49

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Login Form