Oggi è 15 ott 2019, 5:38
   
Text Size
Login

Acquisto modulo di calibrazione

Le nuove tecniche per studiare e comprendere la natura di tanti fenomeni celesti.

Messaggioda Max » 28 set 2019, 15:50

Ciao a tutti, oggi ho ordinato il modulo di calibrazione per l'Alpy.. Ora è completo e visto che sto sistemando tutto mi sembrava opportuno prenderlo per non ricominciare tutto più avanti. Poi vi chiederò lumi :D
Avatar utente
Max
Utente Attivo
 
Messaggi: 294
Iscritto il: 14 ago 2017, 11:32
Località: Roma

Messaggioda tonyven » 29 set 2019, 20:57

Alla grande Max! Bravo. Bisogna sempre migliorarsi. Ho preso una nuova camera per la guida, una ASI120 mono.
Saluti Tonino
tonyven
Utente Attivo
 
Messaggi: 207
Iscritto il: 10 gen 2019, 17:54

Messaggioda Paolo » 30 set 2019, 17:21

Congratulazioni Max... adesso hai proprio tutto!
Facci vedere la prima luce argon-neon quando ti arriva!

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 7257
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda Max » 30 set 2019, 19:31

Grazie Paolo e Tony. Non vedo l'ora, devo e voglio far funzionare tutto a dovere :D
Anche perché fino ad un mese fa avevo un enorme problema di stazionamento cioè non vedevo la polare.. Ora invece ho la possibilità di portare tutto in terrazza con vista a 360°.....qualcosa dovrà pur cambiare in meglio spero.
Avatar utente
Max
Utente Attivo
 
Messaggi: 294
Iscritto il: 14 ago 2017, 11:32
Località: Roma

Messaggioda Max » 11 ott 2019, 19:44

Il modulo è arrivato e l'ho installato ora devo testarlo per capire se è tutto ok
Alpy.jpg

Alpy1.jpg
Avatar utente
Max
Utente Attivo
 
Messaggi: 294
Iscritto il: 14 ago 2017, 11:32
Località: Roma

Messaggioda LFranco » 11 ott 2019, 22:02

Puoi provare subito a prendere uno spettro della lampada, senza montare lo spettroscopio sul telescopio.
Saluti
Lorenzo Franco
Avatar utente
LFranco
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 457
Iscritto il: 8 ago 2015, 0:51
Località: Roma

Messaggioda Max » 12 ott 2019, 18:44

Vi mostro le prime prove con il modulo di calibrazione,ho effettuato diversi scatti con esposizione da 10 20 e 30 secondi:
File 10sec.jpg

FIle 20sec.jpg

file 30sec.jpg

e il file calibrato
Prof.cal.jpg

per la calibrazione ho potuto utilizzare solo gli elementi dell'Argon, è giusto così?

L-) Altra cosa sicuramente domanda stupida ma come lo uso in riduzione dei dati :-s
i tempi di esposizione: sul manuale dice 120secondi ma così si satura l'immagine :-?
Avatar utente
Max
Utente Attivo
 
Messaggi: 294
Iscritto il: 14 ago 2017, 11:32
Località: Roma

Messaggioda LFranco » 13 ott 2019, 19:30

Ciao Max,
il tempo di esposizione va calibrato sulla base degli ADU max della tua camera CCD.
Devi fare in modo che nessuna riga superi il livello di linearità della tua camera. Tipicamente le camere dotate di dispositivo antiblooming hanno una linearità più ridotta rispetto a quelle NON antiblooming. Ad ogni modo un livello di soglia cautelativo è intorno a 30-40 mila ADU max.
Il profilo delle righe lo vedo piuttosto allargato.
Inoltre c'è qualcosa che non mi torna sugli angstrom della tua calibrazione.
Allego la foto dello spettro Argon Neon che sta sul CD allegato all'Alpy600.
Prova a verificare il discorso della saturazione e della calibrazione. Ti consiglierei di usare una calibrazione non lineare (polinomio di quarto-quinto grado).
Saluti
Lorenzo Franco
Allegati
20130424 calibration ArNe.png
Avatar utente
LFranco
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 457
Iscritto il: 8 ago 2015, 0:51
Località: Roma

Messaggioda Paolo » ieri, 11:20

Ciao Max, congratulazioni per il favoloso moduletto!

Confermo quanto dice Lorenzo sulla calibrazione che non e' corretta. La riga che si vede poco prima di 6200A si trova in realta' sui 5852A. Anche per me il profilo delle righe e' allargato (lo spettro 2d e' invece abbastanza a fuoco). Questo significa che nella zona usata per estrarre il profilo, le righe sono leggermente inclinate (devono essere perfettamente verticali).

Ne abbiamo gia' parlato, non credo che RSpec sia in grado di lavorare con le righe curve dell'Alpy, inoltre non sarebbe per niente pratico fare ogni volta una calibrazione complessa "a mano" (la calibrazione lineare non funziona con l'Alpy e quella con il grado del polinomio basso non e' molto affidabile). Dovresti selezionare un gran numero di righe ed usare un polinomio di quarto o quinto grado. ISIS fa tutto questo in modo automatico una volta trovato il giusto setup (operazione che fai una sola volta). Dai un occhio al topic:

viewtopic.php?f=22&t=4704

So che un'alternativa potrebbe essere il nuovo software Demetra, sviluppato proprio per l'Alpy 600 (io non lo conosco).

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 7257
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda Max » ieri, 21:32

Grazie Paolo,Lorenzo, forse ho capito dove ho sbagliato nel primo utilizzo ... :D , oggi ho provato a seguire le indicazioni che mi avete fornito, ho fatto degli scatti di prova tenendomi su diversi tipi di ADU dai 30000 ai 47000, e tempi di esposizione dai 60 ai 300 secondi ed effettivamente le cose cambiano,anche se sto lontano dal fare un lavoro preciso, non ho ancora ricollimato l'Alpy lo farò domani con calma,per ora vi invio i nuovi risultati, anche se come avete detto i problemi con il software ci sono,ho scaricato Demetra,non ci ho capito nulla, mi ci metterò anche qui con calma, ISIS ho seguito il tutorial ad un certo punto mi dà errore,devo segnare quale così ve lo mostro,e non mi fa andare avanti.Comunque ecco le prove di oggi:
Argon prof.jpg

Argon profilo calibrato.jpg

7A.jpg
Avatar utente
Max
Utente Attivo
 
Messaggi: 294
Iscritto il: 14 ago 2017, 11:32
Località: Roma

Messaggioda Paolo » ieri, 22:53

Max, lo spettro 2d della lampada e' favoloso! La calibrazione mi sembra abbia ancora problemi ma soprattutto, a parte eventuali macro-errori, devi considerare che la precisione non si puo' apprezzare da un grafico. Il modulo di calibrazione che hai acquistato mette a disposizione tante righe, molte delle quali devono essere utilizzate altrimenti gli errori diventano eccessivi (la situazione e' diversa dallo Star Analyser che ha risoluzione piu' bassa e dispersione costante). Il parametro che ti dice se tutto va bene tiene conto di tutti gli scostamenti rispetto a quanto previsto (ovvero alle lunghezze d'onda conosciute delle righe Ne/Ar). Riporto l'esempio della pagina che ti ho segnalato:

Wavelength fit deviation
point #1 x = 577.085 lambda = 3946.013 dlambda = 0.087
point #2 x = 613.804 lambda = 4158.642 dlambda = -0.052
point #3 x = 674.293 lambda = 4510.733 dlambda = -0.003
point #4 x = 680.232 lambda = 4545.368 dlambda = -0.318
point #5 x = 699.528 lambda = 4657.932 dlambda = -0.032
point #6 x = 717.845 lambda = 4764.790 dlambda = 0.080
point #7 x = 752.123 lambda = 4964.635 dlambda = 0.445
point #8 x = 827.211 lambda = 5400.736 dlambda = -0.176
point #9 x = 905.779 lambda = 5852.527 dlambda = -0.037
point #10 x = 978.819 lambda = 6266.533 dlambda = -0.043
point #11 x = 1021.729 lambda = 6506.522 dlambda = 0.008
point #12 x = 1138.681 lambda = 7146.929 dlambda = 0.111
point #13 x = 1182.986 lambda = 7384.050 dlambda = -0.070
--------------------------------------------------------------------------
Coefficient a4 : 6.544111E-10
Coefficient a3 : -3.002010E-06
Coefficient a2 : 4.387636E-03
Coefficient a1 : 3.20657
Coefficient a0 : 1138.711
--------------------------------------------------------------------------
RMS : 0.214729
--------------------------------------------------------------------------

Per ogni riga leggi l'errore (0.087A, -0.052A, ecc, nota quanto sono piccoli gli scostamenti). Alla fine c'e' un parametro riassuntivo, RMS (qui 0.21A), che ti dice la bonta' della calibrazione. Quando questo valore diventa grande (es. 10, 20A o piu'), qualcosa non va. Queste differenze non sono visibili ad occhio.

Discorso software
Demetra -> sarebbe bello che tu lo usassi ma non possiamo supportarti (almeno io).
ISIS -> ottimo software, possiamo cercare di aiutarti perche' lo conosciamo meglio. Soprattutto... hai Lorenzo a un tiro di schioppo (forse... non so dove abitate)!

Se vuoi, puoi condividere lo spettro 2d in formato fit (devi prima zipparlo), in modo che possiamo provare la calibrazione in ISIS (credo che non ci sia alcun problema ma e' sempre meglio verificare).

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 7257
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda LFranco » ieri, 23:52

Ciao Max,
il prossimo fine settimana sono al Maker Faire nello stand UAI, se vuoi puoi venire lì e possiamo parlarne.
Saluti
Lorenzo Franco
Avatar utente
LFranco
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 457
Iscritto il: 8 ago 2015, 0:51
Località: Roma

Prossimo

Torna a Spettroscopia, Radioastronomia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Chi c’è in linea

In totale c’è 1 utente connesso :: 0 iscritti, 0 nascosti e 1 ospite (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 58 registrato il 20 ott 2018, 16:27

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Login Form