Oggi è 26 apr 2018, 7:44
   
Text Size
Login

Alcuni spettri

Le nuove tecniche per studiare e comprendere la natura di tanti fenomeni celesti.

Messaggioda Max » 11 apr 2018, 19:00

Ciao a tutti, dopo mesi ad aspettare uno squarcio di cielo buono venerdi scorso mi sono tuffato a pesce nell'unica serata disponibile e che sembrasse promettere un buon cielo,cos' ho caricato tutto ed una volta arrivato al sito osservativo del mio gruppo mi preparo tutto il set up,ho ripreso gli spettri di tutto il Grande Carro e di Cor Caroli, devo dire che non è andata male ma qui dovete dirmelo voi, vi propongo prima Dubhe e poi Mizar:,ottenendo una dispersione di 12.4A/p
poi Dubhe
Dubhe cal.jpg
Dubhe prof.jpg
Dubhe libreria.jpg

ottenendo una dispersione di 13.5A/p
Che dite sto imparando qualcosa o cambio hobby :D
Allegati
Mizar profilo  finale conf.jpg
Mizar prof.jpg
Mizar cal.jpg
Max
Utente Junior
 
Messaggi: 66
Iscritto il: 14 ago 2017, 11:32

Messaggioda Max » 11 apr 2018, 19:03

Gli altri sono pronti,magari aspetto.. :D
Max
Utente Junior
 
Messaggi: 66
Iscritto il: 14 ago 2017, 11:32

Messaggioda Max » 11 apr 2018, 21:29

piccola modifica su indicazione di Lorenzo
Mizar cal.jpg

in pratica non pensavo che fosse necessario mettere l'ordine zero in perfetto allineamento con lo zero. :D
Max
Utente Junior
 
Messaggi: 66
Iscritto il: 14 ago 2017, 11:32

Messaggioda Paolo » 11 apr 2018, 21:50

Bravo Massimo, gli spettri sono buoni. Nel raffronto con i profili di libreria purtroppo il profilo blu tende a coprire quello rosso (il tuo), quindi non si apprezza al meglio la loro affinita', specialmente per Dubhe che ha assorbimenti meno evidenti.

Se ho capito bene, la calibrazione in lunghezza d'onda e' stata fatta con Mizar e poi hai applicato lo stesso polinomio a Dubhe (non so se sei riuscito a fare una calibrazione sulle sue poche righe di assorbimento).

Una cosa migliorabile e' senz'altro il campionamento dello spettro. La dimensione del tuo spettro mi sembra troppo piccola sul sensore. La zona in cui c'e' segnale abbraccia un esiguo numero di pixel per cui il profilo tende a presentare righe dalla forma grosso modo triangolare (lavori in regime di sottocampionamento).

Per risolvere puoi diminuire il pixel (se stavi lavorando in binning) oppure devi aumentare la distanza SA100-sensore.

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6693
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda Paolo » 11 apr 2018, 21:52

in pratica non pensavo che fosse necessario mettere l'ordine zero in perfetto allineamento con lo zero


Con quali righe hai fatto la calibrazione in lunghezza d'onda degli spettri che hai postato inizialmente?

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6693
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda Max » 11 apr 2018, 22:14

Ciao Paolo,ho utilizzato la calibrazione non lineare a 4 punti ,mi piace di più,
4861.33
4340.47
4101.74
3889.05
il sensore sta a circa 4cm ma la camera non è raffreddata,ed è un Cmos ,a breve vorrei cambiarla,ma secondo te questi sensori vanno bene? o sono preferibili i CCD? E si lavoro in binning 2x2 ed a volte faccio fatica a capire se lo spettro è a fuoco.
Dubhe l'ho calibrata con Megrez e qui lo spettro è molto valido perché l'ordine zero era perfetto al suo posto :D
Max
Utente Junior
 
Messaggi: 66
Iscritto il: 14 ago 2017, 11:32

Messaggioda Paolo » 11 apr 2018, 22:28

Max, allora e' normale che l'ordine zero sia spostato dall'origine delle lunghezze d'onda (non e' un problema). Per la curvatura di campo ed altre distorsioni, la dispersione non e' costante in tutto il frame. Non esistendo una semplice relazione nella funzione pixel/lambda (tra l'altro con tutte quelle righe hai giustamente usato un polinomio di grado superiore a uno), l'ordine zero puo' essere proiettato in un punto non coincidente con lo zero delle ascisse. In altre parole la calibrazione e' perfettamente valida ma solo nell'intervallo in cui si trova lo spettro.

Sarebbe stato diverso invece se tu avessi calibrato con due punti usando l'ordine zero (es. ordine zero e h-beta). In questo caso il picco dell'ordine zero doveva trovarsi necessariamente sullo zero della scala.

Devi semplicemente togliere dai profili tutta la parte che non interessa (compreso l'ordine zero), come hai fatto per alcuni grafici. Lo spettro finale deve comprendere solo la zona in cui hai registrato il segnale (parte da 3800 A circa). Il profilo risultante e' senz'altro calibrato al meglio usando le varie righe che dici.

Nella fase di apprendimento in cui ti trovi, il CMOS va ampiamente bene. C'e' tantissimo ancora da fare!

Ciao
Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6693
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda Max » 11 apr 2018, 22:56

Grazie Paolo, il tuo aiuto è sempre importante . :)
Max
Utente Junior
 
Messaggi: 66
Iscritto il: 14 ago 2017, 11:32

Messaggioda Paolo » 11 apr 2018, 23:46

Figurati Max. Volevo darti un'ultimo consiglio (da adottare in fase di ripresa) perche' da come dici, ora hai tre spettri con l'ordine zero che cambia posizione rispetto alla scala (uno e' avanti, uno dietro e l'altro coincidente con lo zero delle ascisse).

Se pianifichi di calibrare in lunghezza d'onda vari target con uno di essi (che funge quindi da riferimento per il polinomio), e' bene che posizioni tutti i target nello stesso punto del frame (alle stesse coordinate del sensore o quasi) altrimenti, per i motivi che ti dicevo sopra (valore di dispersione non costante nel frame), la calibrazione non sara' precisa. L'ordine zero potra' venire sempre spostato rispetto allo zero ma per tutti di un valore simile.

Tienici informati,
Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6693
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila


Torna a Spettroscopia, Radioastronomia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Chi c’è in linea

In totale c’è 1 utente connesso :: 0 iscritti, 0 nascosti e 1 ospite (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 56 registrato il 10 mag 2015, 22:36

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Login Form