Oggi è 19 set 2021, 1:09
   
Text Size
Login

software per le variabili

Il messaggio delle stelle nel flusso luminoso.

Messaggioda tonyven » 7 set 2021, 18:40

Grazie Lorenzo per l'interessamento. In effetti devo approfondire lo studio di Period4. Di solito inserisco i dati con blocco note e salvo il file con estensione dat. Questo sito però non lo supporta, quindi sono costretto a inserirli così:

2459433.3687 6.55
2459433.3774 6.50
2459438.3140 6.15
2459438.3218 6.18
2459438.3278 6.13
2459438.3288 6.13
2459439.3016 6.37
2459439.3075 6.37
2459439.3105 6.36
2459439.3175 6.36
2459442.3254 6.29
2459442.3293 6.21
2459446.3396 6.29
2459446.3450 6.33
2459446.3518 6.33
2459446.3595 6.23
2459453.3008 6.32
2459453.3060 6.14
2459453.3116 6.29
2459453.3008 6.32
2459453.3116 6.29
2459457.2876 5.85
2459457.2919 5.84
2459457.2956 5.90

Grazie ancora.
Saluti
Tonino
tonyven
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 525
Iscritto il: 10 gen 2019, 17:54

Messaggioda LFranco » 8 set 2021, 9:37

Ok Tonino,
partiamo dai dati oggettivi. Il servizio VSX (AAVSO) riporta che "U Aql" è una variabile cefeide con un periodo di 7.024 giorni, la sua luminosità varia da 6.08 a 6.86 magnitudini in banda V. Hai osservato questa variabile su un intervallo temporale di quasi 24 giorni coprendo così quasi 3.5 volte il periodo di 7 giorni.

Period04, così come altri software analoghi, non fa altro che cercare quale sia il periodo che meglio intercetta i dati osservati. Questo lavoro lo fa cercando il periodo di una funzione sinusoidale in grado di intercettare al meglio i punti osservati e facendo in modo da minimizzare i residui tra i dati osservati ed i dati calcolati dalla sinusoidale.

Veniamo adesso a noi. Period04 dopo aver caricato i dati richiede per la ricerca del periodo un intervallo min-max di frequenza. La frequenza altro non è che il numero di cicli di variabilità in un giorno (matematicamente f=1/p). Pertanto con un periodo di 7 giorni la frequenza è di 1/7=0.14.

Mettendoci nella condizione di non conoscere "a priori" il periodo, dovremmo effettuare la ricerca su un intervallo di frequenze tra 0.05 e 4 (periodo da 20 d a 0.25 d). Facendo così nel tuo caso otteniamo lo spettrogramma qui sotto.
spettrogramma1.png
Lo spettrogramma in questo caso riporta la rilevanza (ampiezza) delle possibili frequenze di variazione. Come si vede manca una frequenza dominante ben separata delle altre e di ampiezza più rilevante. Questo significa che i dati disponibili sono pochi e che non sono in grado di determinare univocamente il periodo della variabile.
Facciamo adesso la medesima ricerca "accompagnando" e "guidando" il software verso una soluzione (che conosciamo a priori), limitando l'intervallo di frequenza tra 0.1-0.2. In questo caso lo spettrogramma che otteniamo mostra una frequenza dominante di f=0.1459 -> P=6.85d, molto vicina al periodo di 7 giorni.
spettrogramma2.png
Questo ci permette di ottenere la curva di luce fasata ed il plot dei dati grezzi combinati con la funzione sinusoidale che meglio riesce ad intercettarli.
phase_plot1.png
time_plot1.png
Ricapitolando quindi ... i tuoi dati sono ancora insufficienti per determinate in modo univoco il periodo di variabilità della stella. Period04 è sicuramente un software valido ma è un pò ostico da utilizzarsi. Ti consiglierei di orientarti verso Peranso che ha un piccolo costo ma con un' interfaccia più amichevole. Questo naturalmente non esclude la necessità di sapere cosa si sta facendo. Dobbiamo ricordarci che il software è lo strumento ma siamo noi che lo indirizziamo guidandolo verso un risultato che comunque va sempre verificato.

Il tema naturalmente è molto esteso e non può esaurirsi in poche righe.
Saluti
Lorenzo Franco
Avatar utente
LFranco
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 602
Iscritto il: 8 ago 2015, 0:51
Località: Roma

Messaggioda tonyven » 8 set 2021, 19:07

Che dire Lorenzo! Un lavoro fantastico. Metto in cantiere Peranso. Quindi c'è ancora molto da lavorare con le acquisizioni di dati. Molto bene. Intanto mi hai sciolto qualche dubbio su come procedere. Grazie ancora!
Saluti
Tonino
tonyven
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 525
Iscritto il: 10 gen 2019, 17:54

Messaggioda tonyven » 15 set 2021, 20:46

Ho integrato con altri dati l'osservazione fotometrica di U Aql. In effetti sono ancora pochi i dati. Quello che non capisco è come mai il valore della mag nella stessa sera può variare di molto. Mi spiego. Ho ripreso a intervalli di 10 min la stella in questione e facendo le opportune misure con Astroart mi dava i seguenti valori:
Data Mag.
2459470.2931 6.31
2459470.3013 6.39
2459470.3094 6.52
Non so in questi casi se conviene mantenere questo dato o scartarlo. Posto il profilo aggiornato

elaborazione-U Aql.jpg


ps: non vedo l'ora di provare Peranso
tonyven
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 525
Iscritto il: 10 gen 2019, 17:54

Messaggioda LFranco » 17 set 2021, 14:58

Tonino,
e' poco probabile una variazione di 0.2 mag nel giro di mezz'ora, considerando che la stella pulsa in 7 giorni con un'ampiezza complessiva di 0.8 mag. Si tratta quindi di "fluttuazioni" causate da una bassa precisione fotometrica. Per ottenere dei buoni risultati dovrai quindi migliorare la precisione delle misure fotometriche.
Saluti
Lorenzo Franco
Avatar utente
LFranco
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 602
Iscritto il: 8 ago 2015, 0:51
Località: Roma

Messaggioda LFranco » ieri, 12:33

Vorrei aggiungere che per migliorare la precisione potresti anche fare la media di 3-5 misure ravvicinate temporalmente ed usare il valore ottenuto per comporre la curva di luce. Nel tuo caso quindi avresti:
----JD------------mag----err-
2459470.3013, 6.41, 0.11

Saluti
Lorenzo Franco
Avatar utente
LFranco
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 602
Iscritto il: 8 ago 2015, 0:51
Località: Roma

Precedente

Torna a Fotometria

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron

Chi c’è in linea

In totale ci sono 2 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 2 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 152 registrato il 20 set 2020, 12:49

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Login Form