Oggi è 4 ott 2022, 14:27
   
Text Size
Login

WR134

Le nuove tecniche per studiare e comprendere la natura di tanti fenomeni celesti.

Messaggioda Max » 12 lug 2022, 18:17

Ciao a tutti, continua il mio interesse per le stelle di Wolf Rayet, ieri sera ho ripreso la WR134, mag.8.08, nonostante un problema con il cercatore elettronico ( si appannava in continuazione ) sono riuscito comunque a riprendere la stella, ho risolto anche la sua compagna che da quel che vedo potrebbe essere una classe K visto che le M si presentano in altro modo, così come riportano alcuni siti.
Mi sembra si venuto molto bene.
Come sempre consigli e critiche sempre molto ben accette.
Saluti
Massimo

wr134 web.jpg
wr134 web.jpg (10.81 KiB) Osservato 306 volte

Wr134 + M-K.jpg

hd191765_20220711_878_DMAD copia.jpg
Avatar utente
Max
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 584
Iscritto il: 14 ago 2017, 11:32
Località: Roma

Messaggioda umberto » 13 lug 2022, 0:15

Bene Max, lo spettro sembra ottimo!.Sempre che la calibrazione in lambda sia esatta!
Umberto
umberto
Quasar Guru
 
Messaggi: 1539
Iscritto il: 11 gen 2011, 23:07

Messaggioda tonyven » 13 lug 2022, 22:03

È un piacere vedere i progressi che hai fatto. Non le facevo così interessanti le WR. Ben fatto lo spettro! Mi raccomando continua a postare i tuoi lavori. :ymhug:
Saluti
Tonino
tonyven
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 608
Iscritto il: 10 gen 2019, 17:54

Messaggioda Max » 14 lug 2022, 21:35

Ciao grazie a tutti, Umberto ho fatto la calibrazione sia con Isis che con Demetra ottenendo lo stesso risultato, ed ho finalmente potuto utilizzare la lampada durante la calibrazione, mi sembra tutto più semplice, la stella di riferimento viene calibrata perfettamente, purtroppo non so dove poter prendere questi spettri per poter fare un confronto, sul Bess non ci sono, su AAVSO sono "strani" boh non so come possano presentare certi lavori...vabbè lasciamo correre..., ho trovato un sito ma sono solo foto in jpeg non possono essere utilizzate, per il momento sto prendendo sempre più confidenza con il setup ed i software cercando di fare le cose nel miglior modo possibile, da quando ho la postazione fissa è tutto molto ma molto più facile e veloce, così c'è veramente voglia di fare....!!!
Saluti
Massimo
Avatar utente
Max
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 584
Iscritto il: 14 ago 2017, 11:32
Località: Roma

Messaggioda LFranco » 15 lug 2022, 9:59

Max ha scritto:purtroppo non so dove poter prendere questi spettri per poter fare un confronto

Credo che il libro "SPECTRAL ATLAS for Amateur Astronomers" di R. Walker sia un ottimo punto di riferimento.
Saluti
Lorenzo Franco
Avatar utente
LFranco
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 633
Iscritto il: 8 ago 2015, 0:51
Località: Roma

Messaggioda umberto » 15 lug 2022, 10:17

Max, ti consiglio di osservare qualche stella BE e comparala con una presente sul database BeSS.Così facendo potrai togliere tutti i dubbi sul risultato da te ottenuto.
Umberto
umberto
Quasar Guru
 
Messaggi: 1539
Iscritto il: 11 gen 2011, 23:07

Messaggioda Max » 18 lug 2022, 21:16

Grazie per il consiglio Lorenzo ora lo cercherò su web, Umberto assolutamente d'accordo , spero nei prossimi giorni di poter fare questa prova , poi posterò lo spettro.
Avatar utente
Max
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 584
Iscritto il: 14 ago 2017, 11:32
Località: Roma

Messaggioda Paolo » 19 lug 2022, 13:44

Bravo Max, si vede dalle righe di plotspectra che la calibrazione in lambda e' buona. A parte per qualche lavoro particolare, dagli spettri a bassa risoluzione non e' attesa una precisione assoluta.

Ti consiglio pero' di correggere l'identificazione delle righe sia in questo profilo che in quello della WR136 nella Crescent (entrambe di tipo WN6). Ad esempio, dove indichi la serie di Balmer, in realta' c'e' un mix di idrogeno ed elio ionizzato, non e' solo idrogeno. Le lambda sono quasi coincidenti. Dipende dallo stadio evolutivo, comunque queste stelle sono generalmente povere (o prive) di idrogeno essendo stato in gran parte espulso nello spazio dal forte vento stellare. Se si considera l'abbondanza degli elementi nel vento stellare, e' stato stimato che per la WR134 il rapporto fra idrogeno ed elio arriva appena a 0.2.

Per gli elementi che generano le righe puoi vedere qui:

WR134_spec.JPG

o qui:

Gray_figure2.JPG

Ma ci sono tante altre fonti.

Se osservi altre Wolf-Rayet (magari variando sulle tipologie WN e WC) sarebbe interessante raggruppare i profili in un singolo grafico.

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 7708
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Prossimo

Torna a Spettroscopia, Radioastronomia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Chi c’è in linea

In totale c’è 1 utente connesso :: 0 iscritti, 0 nascosti e 1 ospite (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 238 registrato il 25 mag 2022, 12:00

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Login Form