Oggi è 19 lug 2018, 17:18
   
Text Size
Login

Possibile nova mag 10 nello Scudo

Le nuove tecniche per studiare e comprendere la natura di tanti fenomeni celesti.

Messaggioda nico » 2 lug 2018, 1:14

Nell'ultimo spettro di Lorenzo Franco sembra essere scomparso o molto attenuato l'effetto P Cygni.
Quale potrebbe essere la spiegazione di questo fenomeno?
Avatar utente
nico
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 349
Iscritto il: 17 giu 2013, 19:20

Messaggioda umberto » 2 lug 2018, 2:06

Salve a tutti, ridotto il P-Cyg, forse a causa della densa nebulosa di polveri che avvolge ora la stella la magnitudine è precipitata.
Umberto

novasct2018_20180701_845_Umberto Sollecchia.png
umberto
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 1018
Iscritto il: 11 gen 2011, 23:07

Messaggioda Paolo » 2 lug 2018, 15:02

Urca come siete attivi! Lorenzo, la tua nuova osservazione mostra che lo spettro e' enormemente cambiato in un solo giorno. L'effetto mi sembra quello visto piu' volte durante gli alti e bassi della ASASSN-17HX (Nova Sct 2017), il continuo che si abbassa, le emissioni che salgono e la componente in assorbimento dei P-Cyg che si riduce di intensita'. Per questa nova pero' il tutto e' avvenuto a pochissima distanza di tempo dall'outburst. Se la tendenza prosegue, la nova finira' fuori dalla portata dei nostri spettrografi a brevissimo (purtroppo). Speriamo in qualche "rebrightening"... Sappiamo comunque che gli eventi nova possono durare anche molto poco, questa potrebbe essere una nova veloce.

Ieri sono riuscito anche io ad osservarla con il Lhires III e il reticolo da 1200 l/mm. Il profilo e' rumoroso ma evidenzia chiaramente l'evoluzione della riga h-alfa (sia rispetto al profilo echelle di Olivier presente nel database ARAS che ai vostri).

novasct2018_20180701_899_PB.png

A queste risoluzioni il P-Cygni e' ancora ben distinto (vedi anche il profilo di Umberto). Nel grafico sotto (ho rimosso le righe telluriche) il flusso e' in funzione della velocita' radiale. Il minimo del P-Cyg e' rimasto praticamente inalterato rispetto al 30 giugno (siamo sui -700 Km/s con lo zero a 6562.8A e sui -800 Km/s circa con l'origine sul centro del picco di emissione). Le componenti in assorbimento blue-shifted potrebbero anche essere due se si considera il largo avvallamento del profilo sui -1700 Km/s circa.

Rispetto al continuo la componente in emissione dell'idrogeno si e' notevolmente sollevata. Il fianco rosso della riga adesso e' molto piu' esteso e si ricongiunge al continuo in un punto che si trova oltre i 2500 Km/s.

novasct2018_20180701_899_VRAD_PB.png

Quali altre sorprese ci riservera' la nostra bella e fugace nova? Speriamo non quella che sia gia' svanita... ;)

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6812
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda Paolo » 3 lug 2018, 15:06

Per fortuna e' leggermente risalita di luminosita'!

Lo spettro del 2 luglio:

novasct2018_20180702_854_PB.png

L'evoluzione in 24 ore:

novasct2018_201807_comp_PB.png

Rispetto al continuo il flusso dell'emissione h-alfa e' incrementato. Gli strati gassosi esterni generano il p-cygni piu' o meno alla stessa posizione (~ -700 Km/s). Mi sembra che stia prendendo forma un secondo assorbimento h-alfa blueshifted sui -1700 Km/s.

novasct2018_20180702_854_RV_PB.png

Davvero notevole la rapidita' con cui evolvono le caratteristiche spettrali.

Ho preso anche la fotometria in banda V ma devo ancora ridurre i dati. Ho visto che c'e' stata una variazione nell'intervallo di tempo impiegato per prendere lo spettro.

Dovremmo cercare di seguirla quotidianamente, sia per poter catturare le veloci variazioni, sia perche' probabilmente sara' alla portata dei nostri spettrografi ancora per poco (speriamo sempre in nuovi guizzi di luminosita').

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6812
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda LFranco » 3 lug 2018, 21:30

Davvero notevoli le variazioni di questa nova.
Sarei curioso di leggere il commento dei professionisti sulla interpretazione di quello che stiamo osservando. Ho provato a guardare nei vari articoli (es: quelli di R.E. Williams et al. del 1991 e 1994) ma non ho trovato nulla di simile.

Saluti
Lorenzo Franco

--------------------------------------------------------------
R.E. Williams et al.
The Evolution and Classification of Postoutburst Novae Spectra
The Tololo Nova Survey: Spectra of Recent Novae
Avatar utente
LFranco
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 346
Iscritto il: 8 ago 2015, 0:51

Messaggioda miror » 4 lug 2018, 9:26

Salve,
molto significative le informazioni che si possono dedurre dagli spettri ad alta risoluzione! Allego il mio spettro ripreso stanotte che appunto mostra la scomparsa, a bassa risoluzione, del p-cygni.
Allegati
Novasct2018.jpg
miror
Utente Junior
 
Messaggi: 68
Iscritto il: 12 apr 2015, 21:22

Messaggioda Paolo » 4 lug 2018, 11:09

Ottimo spettro Paolo! Soprattutto il tuo profilo mostra che moltissime righe precedentemente in assorbimento ora sono in emissione. Ad esempio il gruppo h-beta e ferro ionizzato a seguire. L'assorbimento P-Cyg della h-alfa sui -700 Km/s e' diventato troppo stretto per essere risolto a bassa risoluzione.

Come ti e' sembrata la lua luminosita' ieri sera? AAVSO purtroppo ha un certo ritardo nel pubblicare le misure (non ho capito se e' dovuto agli osservatori che non inviano i dati nella stessa serata). L'informazione tornerebbe molto utile per pianificare le osservazioni spettroscopiche (nel mio caso sapere per tempo se cambiare il reticolo da 1200 l/mm con quello da 600).

A chi osserva con l'Alpy 600 volevo chiedere se nello spettro 2d si vedono emissioni oltre i 7400 A, limite superiore del profilo (immagino dovuto agli spettri della libreria Miles). In caso affermativo potrebbe essere molto utile produrre anche un profilo esteso utilizzando spettri della libreria Pickles (prendendo quello il cui continuo somiglia maggiormente al Miles nella parte in comune). La "coda" puo' essere poi unita al profilo originale con il comando di ISIS l_merge [profile #1] [profile #2] [output profile].

Condivido quanto scrive Lorenzo. Ogni nova e' diversa dall'altra. Anche se le righe sono in buona parte le stesse, i loro profili e l'interazione con il continuo evolvono in modo estremamente variegato a seconda dei casi. Basta pensare che per uno stesso evento con ejecta bipolari (per fare un esempio) lo spettro cambia radicalmente solo variando l'angolo di visuale. Il parere di uno specialista e' quindi fondamentale per comprendere cio' che accade nella nova. Gli argomenti possono essere sono complessi ma spesso i prof con cui ARAS collabora riescono a trasmettere concetti semplificati. Per noi e' molto importante.

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6812
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda umberto » 4 lug 2018, 11:47

Salve a tutti, il profilo della nova osservata ieri sera 03-07-2018.
Umberto
Allegati
novasct2018_20180703_860_Umberto Sollecchia.png
umberto
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 1018
Iscritto il: 11 gen 2011, 23:07

Messaggioda miror » 4 lug 2018, 16:10

Salve a tutti,
è incalzante questa Nova grazie al bel tempo! Paolo, come ci fai notare tu oltre al pronunciato H-Beta si intravedono il FeII a 4924A e 5018A (se ricordo bene). Non ho ancora maneggiato a sufficienza le acquisizioni in flusso nè saprei dare una stima di variazioni in termine di magnitudine ma da un rapido confronto tra gli spettri del 1 luglio e di questa notte, mi sembra ci sia stato un incremento di luminosità. Non saprei se il metodo vale ma direi a spanne, valutando il rapporto segnale rumore in più punti del continuo dello spettro, che il segnale sia quasi duplicato in termini di conteggi per secondo. In corrispondenza del massimo dell'H-alpha invece conto un segnale quasi cinque volte maggiore (valutazione da prendere con le pinze, fatta sui conteggi delle immagini). Qualcuno conferma?
Oltre i 7400A personalmente non ho mai visto dato appunto la limitazione degli spettri della libreria
miror
Utente Junior
 
Messaggi: 68
Iscritto il: 12 apr 2015, 21:22

Messaggioda Paolo » 4 lug 2018, 16:58

Grazie delle preziose informazioni Paolo. Era sufficiente anche una stima approssimativa basata su cio' che vedevi nella camera di guida. Ci hai dato tanti altri utili dati.

Oltre i 7400A personalmente non ho mai visto dato appunto la limitazione degli spettri della libreria

Prova a dare un'occhiata all'immagine dello spettro (somma dei frame calibrati con dark/flat). E' possibile che il taglio dei profili a 7400A lasci fuori roba interessante. Parlavo di emissioni perche' le nove esibiscono righe anche forti nell'IR vicino. Guarda ad esempio lo spettro della vecchia nova Sgr 2012 nr 4 preso con il reticolo SA100:

Nova.jpg

Poi c'e' il discorso della contaminazione con il secondo ordine ma per la nostra nova fortemente arrossata dalle polveri e' probabile che si possa trascurare.

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6812
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda LFranco » 4 lug 2018, 21:00

Riporto l'andamento della magnitudine V estratto dal sito AAVSO.
Praticamente adesso ha raggiunto quasi la 11a mag V.
Saluti
Lorenzo Franco
Allegati
TCP J18292290-1430460 AAVSO.png
Avatar utente
LFranco
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 346
Iscritto il: 8 ago 2015, 0:51

Messaggioda LFranco » 4 lug 2018, 21:50

Ciao a tutti,
lo scorso anno di questi tempi stavamo osservando la nova scuti 2017.
Ho notato delle analogie nello spettro delle due novae tra quello osservato il 30 giugno e quello osservato il 28 luglio dello scorso anno al momento del massimo di luminosità della nova scuti 2017.

Entrambe mostrano un evidente profilo P Cygni della riga Halfa ed entrambe mostrano la riga di assorbimento del sodio. Certo l'andamento del continuo è diverso e questo probabilmente significa che la nova di quest'anno è più lontana ed attraversa più polveri. Si nota anche che le righe di assorbimento della nova di quest'anno sono più spostate verso il blu (maggiore velocità di espansione).

Saluti
Lorenzo Franco
Allegati
Nova Sct 2018 vs 2017.png
Avatar utente
LFranco
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 346
Iscritto il: 8 ago 2015, 0:51

Prossimo

Torna a Spettroscopia, Radioastronomia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Chi c’è in linea

In totale c’è 1 utente connesso :: 0 iscritti, 0 nascosti e 1 ospite (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 56 registrato il 10 mag 2015, 22:36

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Login Form