Oggi è 20 ott 2017, 10:49
   
Text Size
Login

ASASSN-17hx: nova nello Scudo mag 11+

Le nuove tecniche per studiare e comprendere la natura di tanti fenomeni celesti.

Messaggioda Paolo » 28 ago 2017, 15:33

Siete superattivi! Davvero notevole la lunga sequenza di ottimi report osservativi. Questa sezione non e' mai stata cosi' animata, formiamo proprio un bel gruppo!

Sebbene i segni dell'evoluzione siano in questa fase piu' evidenti ad alta risoluzione (osservando in dettaglio le singole righe), vedo che anche gli spettri low-res mostrano parecchie novita' rispetto ai giorni passati (es. la rimonta dell'elio He I 5876, 6678, 7065, l'evidentissimo incremento di intensita' delle righe di Balmer,...). Le righe di emissione del ferro e quelle dell'idrogeno sono ancora largamente prevalenti. Essendo una nova molto lenta, per il passaggio alla fase nebulare ci sara' da attendere.

Per la brillante nova nel delfino (Nova Del 2013), le righe nebulari dell'ossigeno sono comparse circa un mese dopo la scoperta. La riga del ferro sui 5018 A (una del multipletto 42), e' stata affiancata e superata dall'ossigeno [O III] 5007, la riga piu' intensa del doppietto [O III]. Una decina di giorni dopo e' divenuta evidente anche l'altra [O III] 4959. Probabilmente ci sara' una simile evoluzione anche per la nova nello Scudo. Ma chissa' quando... La Nova Del 2013 ha cominciato a esibire lo spettro nebulare quando aveva perso circa quattro magnitudini rispetto al massimo. Sicuramente ogni nova e' diversa ma se dovessimo attendere questa fase del declino, la nostra nova dovra' arrivare a mag 12.5. I tempi portebbero allungarsi perche' sembra esserci un inizio di rebrightening a partire dal 22 agosto, come avete anche voi evidenziato.

Flavio, grazie per il info fotometriche della nova. E' interessante conoscere se c'e' qualche variazione in una specifica banda per verificare a livello spettroscopico cosa sta succedendo. Al momento sto usando il reticolo da 2400 l/mm e nel blu non potrei raggiungere un adeguato SNR. Comunque abbiamo utili informazioni dagli spettri presi con l'Alpy 600. Ottimi gli spettri ed i grafici che ci hai mostrato.

Lorenzo, notevole il dettaglio dei profili H-alfa. Sebbene lo strumento non riesca a mostrare l'assorbimento nel mezzo, la forma segue abbastanza fedelmente quanto si osserva ad alta risoluzione. Evidente anche la condizione di continuo alto (fase di fireball) ed emissioni basse. Tendenza che si inverte nella fase successiva.

Umberto, adesso credo hai altri spettri per proseguire la tua bella animazione. La "prima puntata" arrivava al massimo della fase di fireball, potresti aggiungere il primo declino.

Aggiungo le mie due ultime osservazioni (24 e 25 agosto).

Profili osservati:

asassn-17hx_aug24-26_PB.png

Velocita' radiale dei profili H-alfa:

asassn-17hx_aug24-26_VR_PB.png

Il profilo del 26 verra' flussato appena riduco la fotometria in banda V (vale anche per lo spettro low-res di Umberto). Possiamo cosi' fare un confronto con lo spettro di Flavio (nei limiti della misura V ottenuta con un solo filtro).

Preciso che per tutti i profili espressi in flusso arbitrario ho riscalato a uno la regione spettrale 6615-6620. Mi sono accorto pero' che la riga H-alfa, allargandosi nel tempo per effetto Doppler, ha raggiunto e superato questo intervallo. Il vero continuo si trova piu' lontano, ad esempio sarebbe stato meglio normalizzare sui 6630A. Nei miei spettri il massimo dell'emissione ha quindi un valore inferiore. Da tenerne conto in caso di raffronti (che richiedono lo stesso punto di normalizzazione).

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6503
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda umberto » 29 ago 2017, 12:39

Salve a tutti, posto il profilo spettrale del giorno 26-08-2017, calibrato in flusso assoluto.

Profolo nova flux.jpg


Per un confronto fotometrico del mio profilo con quello di Flavio, posto anche un profilo avente una una scala simile.
Sembra che la calibrazione in flusso dei due spettri sia in buon accordo.
Noto però che sul profilo di Flavio ci sia una tendenza del continuo a scendere verso il blu.
Umberto

asassn-17hx_20170826_808_Umberto Sollecchia.jpg
umberto
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 848
Iscritto il: 11 gen 2011, 23:07

Messaggioda Flavio » 29 ago 2017, 20:27

Grazie Umberto, mi hai fatto felice! B-) Incredibile la somiglianza dei profili e per quanto riguarda la calibrazione di flusso, trovo impressionante la convergenza. Per me queste sono tutte tecniche nuove e vedere che i risultati sono compatibili con i vostri mi rinfranca molto. La perdita nel blu, come ha già arguito Paolo è dovuta al posizionamento est-ovest della fenditura. per girare tutto l'ambaradan ho bisogno di un oretta da dedicare a questo lavoro in osservatorio e devo ancora trovarla (l'osservatorio è a 40 km da casa mia). :-\
Flavio
Nuovo Utente
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 18 ago 2017, 17:39

Messaggioda Paolo » 31 ago 2017, 14:36

...vedere che i risultati sono compatibili con i vostri mi rinfranca molto

Lo stesso vale per me quando la fotometria da risultati somiglianti ai vostri!

L'ultima mia osservazione e' del 29 agosto. Sempre Lhires III e reticolo da 2400 l/mm.

asassn-17hx_20170829_781_PB.png

Se non ci sono stranezze sul continuo a causa del livello molto basso, la forza delle'emissione H-alfa e' di nuovo in aumento. Qui al confronto con 26 e 24 agosto (RV di profili scalati sul continuo):

asassn-17hx_VR24-26-29_PB.png

Un contronto fra profili espressi in unita' di energia (ho solo il 29 e il 21 agosto flussati):

asassn-17hx_VR21-29_PB.png

Al 29 agosto il declino era ben evidente. Il continuo intorno alla riga H-alfa e' quasi scomparso in un singolo file, tanto si e' indebolita la nova. Motivo per cui penso che passero' molto presto al reticolo da 1200 l/mm. Meno risoluzione (la riga fortemente allargata dell'idrogeno penso sia sempre dettagliata e idonea per prendere misure) ma molto piu' SNR.

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6503
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda umberto » 31 ago 2017, 16:19

Salve a tutti, infatti la risalita dell'H-alfa è visibile anche allo spettro a bassa risoluzione.Umberto

Comparazione.jpg


Comparazione crop.jpg
umberto
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 848
Iscritto il: 11 gen 2011, 23:07

Messaggioda Flavio » 2 set 2017, 11:07

Ciao a tutti.
Sono stato assente qualche giorno.
Confermo che il modesto re-brightening della nova, avvenuto dopo il 20 agosto si è già concluso. Come si vede dal grafico peraltro, l'aumento di luminosità ha interessato assai poco il rosso; (nell'infrarosso l'oggetto non ha mai smesso di calare) mentre si è manifestato con più evidenza nel V e ancor di più nel B. Teniamo conto che l'andamento della riga Halfa non influenza né il Vj né l'Ic, dato che entrambi i nostri filtri chiudono al di fuori delle sue lunghezze d'onda.

Ecco l'andamento dal 6 agosto al 31 agosto. Spero che il cielo sia clemente e di poterla fare anche questa sera.

ASASSN_17HX.JPG
Flavio
Nuovo Utente
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 18 ago 2017, 17:39

Messaggioda Flavio » 2 set 2017, 14:24

Ecco l'ultimo lavoro fatto con il 300linee, prima del maltempo. Ho flussato lo spettro e l'ho comparato con quello del 26/08. Seppure le differenze sono piccole, noto che rispetto agli spettri di Umberto c'è una situazione rovesciata. Nello spettro di Umberto l'Halfa sembra più brillante il 29 rispetto al 26 mentre nel mio si verifica il contrario. Probabilmente ciò è dovuto alle differenze nel calcolo della magnitudine in banda. Nelle mie misure la Nova aveva una magnitudine di 10.673 Vj al 26.841 e di 10.863 al 29.839. Inoltre credo che per fare una misura più precisa io debba prima ruotare di 90° la fenditura.

asassn17hx_ 20170829_ABSFLUX_Castellani.png


asassn17hx_ 20170829_ABSFLUX_2608-2908COMPARE2_Castellani.png


asassn17hx_ 20170829_ABSFLUX_2608-2908COMPARE1_Castellani.png


Allego anche il profilo delle velocità sulla riga Halfa
asassn17hx_ 20170829_933_Velocity_Castellani.png
Flavio
Nuovo Utente
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 18 ago 2017, 17:39

Messaggioda umberto » 4 set 2017, 9:29

Flavio, non so dirti circa l'inversione dell'H-alfa sul confronto dei miei spettri con quelli tuoi. Ieri sera ho osservato di nuovo la nova ed ho registrato un ulteriore salita dell'H-alfa ed anche dell'H-beta.Gli spettri sono calibrati in intensità relativa poichè è mancata la fotometria di Paolo.Questa Nova non ha nessuna intenzione di andare in pensione.Umberto

Profilo nova.jpg


Comparazione .jpg


Comparazione H-alfa.jpg


Comparazione H-beta.jpg
umberto
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 848
Iscritto il: 11 gen 2011, 23:07

Messaggioda Paolo » 4 set 2017, 11:36

Ciao Flavio, Umberto. Ottimi spettri ed osservazioni fotometriche! Per quanto riguarda la controtendenza dell'emissione h-alfa rispetto alle osservazioni di Umberto, ho fatto alcune prove per capire quanto incide la differente magnitudine in banda V e quanto l'andamento del continuo.

La curva di trasmissione del mio filtro V Baader, come hai giustamente osservato, mette dentro parecchia luce h-alfa:

nova x baader V.png

Questo sicuramente ha comportato un'incremento della luminosita' V nelle misure (10.58 il 26 agosto e 10.67 il 29 agosto) rispetto alle vostre. C'e' ancora una certa differenza nel delta ma la tendenza e' la stessa, infatti il 29 la nova era piu' debole del 26.

Ho calibrato in flusso assoluto gli spettri di Umberto con le vostre magnitudini, eliminando il contributo della riga h-alfa dalla curva di risposta del filtro V per simulare il Vj (ma anche lasciandola le cose non cambiano). Il risultato e' sempre lo stesso, l'emissione h-alfa del 29 e' piu' forte di quella del 26.

_asassn-17hx_umb_fla_ha.png

Cosa provoca questa situazione si capisce guardando il continuo degli spettri di tutte le osservazioni. Mentre nel vostro caso il continuo dei due spettri e' divergente (si allontanano man mano che ci si sposta verso il rosso), i profili di Umberto discostano nella parte centrale ma tendono a ricongiungersi nei pressi della riga H-alfa.

_asassn-17hx_umb_fla.png

Si tratta di configurazioni del profilo molto diverse che possono determinare forti variazioni dell'intensita' della riga H-alfa. Bisogna capire cosa ha determinato dei profili dal continuo cosi' diverso. La caduta di luce verso il blu dei vostri spettri (fenditura non verticale) e' una delle cause piu' evidenti. Una volta rimossa questa tendenza credo si possano analizzare meglio altre differenze piu' piccole se presenti. Le riprese spettroscopiche vostre e di Umberto non sono avvenute contemporaneamente, non possiamo escludere eventuali rapide variazioni nello spettro della nova.

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6503
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda umberto » 5 set 2017, 15:19

Salve a tutti, il profilo di ieri sera ed una comparazione nella regione H-alfa con il giorno 01-09-2017. Idrogeno ancora in salita.Umberto

Profilo nova flux.jpg


Comaparazione H-alfa.jpg
umberto
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 848
Iscritto il: 11 gen 2011, 23:07

Messaggioda Paolo » 6 set 2017, 12:10

Ciao a tutti. Le mie ultime osservazioni sono del 1 e 4 settembre.

Ho deciso di passare al reticolo da 1200 l/mm perche' il continuo della nova e' diventato troppo rumoroso con il 2400 l/mm. Il basso SNR puo' determinare una imprecisione nella calibrazione in flusso assoluto dato che il procedimento e' basato, appunto, sui livelli del continuo. Un piccolo errore nel continuo genera un grande errore nell'intensita' di una emissione di livello ottanta volte superiore.

Riga H-alfa e dintorni. Nel grafico in grigio (scala del flusso sulla destra) si osserva a sinistra l'emissione allargata e di forma rettangolare (sommita' appiattita) dovuta al ferro ionizzato Fe II 6516.1. A destra l'elio neutro He I 6678 con relativo assorbimento blu-shifted (profilo P-Cyg).

asassn-17hx_20170901_767_PB.png

Velocita' radiale del profilo H-alfa (telluriche rimosse e correzione eliocentrica applicata):

asassn-17hx_20170901_767_VR_PB.png

Il 4 settembre ho osservato la regione della riga H-beta e multipletto 42 del ferro.

asassn-17hx_20170904_767_PB.png

Velocita' radiale della H-Beta:

asassn-17hx_20170904_767_RV_PB.png

H-beta e righe del ferro dominano il profilo ma sulla sinistra della riga del ferro Fe II 5018 mi sembra di vedere una nuova emissione (il rigonfiamento del continuo appena decentrato). Avrei due ipotesi (naturalmente posso sbagliare): la riga dell'elio neutro He I 5016 con relativo assorbimento blu-shifted oppure la fatidica riga nebulare dell'ossigeno [O III] 5007 nelle primissime fasi. Si tratta di righe allargate per effetto Doppler che hanno una lunghezza d'onda molto simile e non e' semplice per me identificarle con sicurezza.

L'evoluzione dei prossimi giorni potrebbe chiarire. Naturalmente e' attesa la "partenza" dell'ossigeno nebulare che, diventando molto intensa, potrebbe in breve tempo mascherare tutto il resto.

Un dettaglio della riga in questione:

asassn-17hx_20170904_767_det.png


Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6503
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda umberto » 9 set 2017, 0:48

Salve, questa sera in contemporanea alla fotometria di Paolo ho osservato la nova la cui magnitudine è di nuovo in risalita.Il profilo che posto mostra numerosi P-Cyg nelle varie emissioni, sintomo di una forte riabilitazione.Umberto

asassn-17hx_20170908_780_Umberto Sollecchia flux.jpg


asassn-17hx_20170908_780_2.jpg
Ultima modifica di umberto il 9 set 2017, 1:17, modificato 1 volta in totale.
umberto
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 848
Iscritto il: 11 gen 2011, 23:07

PrecedenteProssimo

Torna a Spettroscopia, Radioastronomia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: SergioMauro e 1 ospite

cron

Chi c’è in linea

In totale ci sono 2 utenti connessi :: 1 iscritto, 0 nascosti e 1 ospite (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 56 registrato il 10 mag 2015, 22:36

Visitano il forum: SergioMauro e 1 ospite

Login Form