Oggi è 21 ott 2018, 8:43
   
Text Size
Login

Compatte moderne...

La nuova frontiera. Parliamo di questi sofisticati strumenti e di come hanno cambiato il mondo dell'astrofotografia.

Messaggioda Paolo » 26 set 2018, 0:30

Mica lo sapevo che con una con una piccola compatta digitale (categoria bridge) si potessero ottenere immagini del genere!

Luna_BN_B700.jpg

Esperimento di questa sera. Nessun telescopio, nessun inseguitore. Solo l'ottica della camera. Ho sistemato la piccola Nikon Coolpix B700 su un microscopico cavalletto appoggiato ad un muretto. Zoom al massimo (focale 258 mm, equivalente del formato 135: 1440 mm). Video 4K di pochi istanti. La foto che vedete e' un singolo frame del video (trasformato in B/N) ridotto al 50%. Nessuno stacking. La turbolenza stasera era fortissima dato il passaggio di un fronte freddo associato a forti venti. Nel filmato il bordo lunare era vistosamente frastagliato per la turbolenza, questo significa che il dettaglio dell'immagine e' limitato dal seeing, non dall'ottica (!).

Ecco qui il piccolo mostro:

b700.jpg

Con questa camera sembra sia possibile registrare gli anelli di Saturno o le principali bande di Giove. Apprezzabili anche con la fotocamera sostenuta a mano grazie ad un efficiente stabilizzatore ottico. Che roba!

C'e' anche di meglio. Sta per uscire in Italia il modello P1000 (sempre Coolpix Nikon) che raggiunge la focale equivalente di 3000 mm (zoom ottico, non digitale). Purtroppo costa, ingombra e pesa di piu' rispetto alla B700...

Sono apparecchi pensati principalmente per foto naturalistiche (caccia fotografica, panorami lontani, ecc), di piu' facile trasportabilita' rispetto alle DSLR con "cannoni" annessi. Non servono agli astrofili in quanto sono molto meglio attrezzati per riprese astronomiche ma a mio avviso e' utile sapere che permettono di ottenere interessanti risultati anche in questo campo.

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6943
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda Pering » 26 set 2018, 0:55

Caspita! Beh, comunque a pensarci bene già con il cellulare si possono fare delle belle foto con lunghezze di focale di pochi millimetri.
Pering
Quasar Guru
 
Messaggi: 3959
Iscritto il: 22 nov 2010, 14:58

Messaggioda Paolo » 26 set 2018, 11:30

E' vero. E noi astrofili abbiamo preso tanti benefici da questa tecnologia. Se ripenso alle immagini astronomiche ottenute con la pellicola...

Uno sforzo per restare in tema... ;) La vista del complesso di Campo Imperatore (2130m di quota) da casa, a 17 Km di distanza. Sulla sinistra il mitico osservatorio, al centro la stazione di arrivo della funivia e sulla destra lo storico albergo. Non ho poutito prendere l'immagine a piena focale a causa della fortissima turbolenza. Sempre Coolpix B700.

CI_2018_B700.jpg


Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6943
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda Pering » 26 set 2018, 12:51

Che vista!
Alcuni dati tecnici che ho trovato in rete
sensore da mm 6.16xmm 4.62 pixel da 1.19 micron.
focale da mm 4.3 a mm 258
Quindi:
campionamento da 57 a .95 secondi d'arco per pixel.
Pering
Quasar Guru
 
Messaggi: 3959
Iscritto il: 22 nov 2010, 14:58

Messaggioda Paolo » 26 set 2018, 16:57

Edo, grazie per i dati. Sapevo del sensore molto piccolo ma non mi ero reso conto di quanto i pixel fossero microscopici!

L'uso di tali sensori, se ci pensi, rappresenta una "furbata" per i costruttori. Solo in questo modo puoi infatti raggiungere elevatissime focali equivalenti (nel formato standard 135) con piccoli obiettivi. Un sensore composto dallo stesso numero di pixel ma di dimensioni maggiori, risulterebbe in un angolo di visuale piu' ampio, quindi una focale equivalente inferiore. La cosa si dovrebbe poi compensare con un'ottica di maggiori dimensioni (focale/apertura), aspetto negativo per costo, dimensioni, peso, ecc. Non a caso anche la nuovissima P1000 monta un sensore simile (6.2x4.6mm, 16 Mpix). Purtroppo in questo modo si lavora vicino ai limiti imposti dalla diffrazione (la qualita' ne risente). Credo pero' che non si possa chiedere di piu' a queste "piccole" bridge...

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6943
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila

Messaggioda Pering » 26 set 2018, 18:58

Il concetto di focale equivalente mi è stato sempre antipatico. Sarebbe come dire se restringo il sensore la focale equivalente aumenta. Oppure faccio un crop a una foto, ho aumentato la focale equivalente. Non ha senso. E sembra proprio una presa in giro. La focale è quella punto, puoi mettere un sensore qualsiasi nel punto di fuoco , non importa la dimensione (se troppo grande vignetterà) il fuoco rimarrà tale.
Certo ad essere furbi sono furbi, se invece di parlare di focale equivale avessero parlato di campo ristretto (rispetto al 36x24) beh! Sarebbe stato più onesto.
Pering
Quasar Guru
 
Messaggi: 3959
Iscritto il: 22 nov 2010, 14:58

Messaggioda Paolo » 27 set 2018, 11:54

Riferirsi al vecchio standard e' comodo da una parte ma, come giustamente dici, puo' essere anche fuorviante. Ai tempi era consolidato perche' il formato 135 veniva usato praticamente da tutti (con l'eccezione del 120 e di lastre impiegate dai professionisti) e naturalmente non si parlava di "crop" che potevi fare al massimo con le forbici (anche qui con l'eccezione dello sviluppo/stampa fai da te). Allora ogni focale corrispondeva ad un preciso angolo di visuale.

Per fare un esempio, oggi la focale di 4.3 mm di un obiettivo montato su una compatta a me non dice molto sull'angolo di ripresa. Riesco a capire che si tratta di un grandangolo ma non ad immaginare la sua ampiezza visiva (che cambia a seconda del sensore). In queste condizioni trovo utile conoscere che la visuale corrisponde all'incirca a quella di un 24 mm impiegato nel formato 135 (che ricordo benissimo essere un grandangolo leggermente spinto, mediamente andavano da 28 a 35 mm). Ma questa e' la mia storia, con un passato trascorso in parte nell'era delle emulsioni (paleolitico!). Un ragazzo che "nasce" nel mondo del digitale fa sicuramente una certa fatica a memorizzare le varie focali equivalenti.

Per la categoria denominata "super-zoom" c'e' anche un'altra "furbata" che riguarda il fattore d'ingrandimento (60x per la B700). Questo e' basato sulla focale piu' corta, non su una focale che restituisce una visuale senza ingrandimento rispetto all'occhio (cio' che nel formato 135 si otteneva con il 50 mm).

Paolo
Avatar utente
Paolo
Quasar Guru
 
Messaggi: 6943
Iscritto il: 16 gen 2006, 22:49
Località: L'Aquila


Torna a CCD, Webcam e fotocamere digitali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Chi c’è in linea

In totale c’è 1 utente connesso :: 0 iscritti, 0 nascosti e 1 ospite (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 58 registrato il 20 ott 2018, 16:27

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Login Form