Oggi è 17 dic 2017, 2:27
   
Text Size
Login

Camere Cmos

La nuova frontiera. Parliamo di questi sofisticati strumenti e di come hanno cambiato il mondo dell'astrofotografia.

Messaggioda gioveluna » 4 nov 2017, 21:42

:) Buonasera a tutti, visto che attualmente sia Domenico Che Paolo stanno diciamo testando le camere Cmos con pose brevi mi hanno fatto venire una curiosità per cui vorrei aprire qui un discorso riguardante i seguenti quesiti:
1) Domenico usa la QHY5 modello 178 cool che ha un sensore grande ma pixel piccoli invece Paolo ha la Asi 174 con il sensore più piccolo ma con pixel più grandi,il mio dubbio e come mai c'è un divario di prezzo (quasi il doppio) tra i due sensori Prendendoli uguali, esempio Asi 178 mono e asi 174 mono.
2)Che computer usate con queste camere di ripresa,visto il grande formato e Fps elevati.
3)Per Paolo, molto tempo fa in una conferenza fatta vicino il lago di scanno (Purtroppo la memoria inizia a farmi brutti scherzi e non mi ricordo il titolo della conferenza e il luogo),
Parlavi proprio del fatto che diciamo bastava già pose corte per avere tutte le informazioni possibili e che anche se si aumentava di molto il tempo non ci si guadagnava poi molto di più,se ricordo bene,se puoi riprendere questo discorso appena possibile te ne sarei grato visto che è un concetto molto interessante e visto le nuove camere di ripresa molto utilissime.
gioveluna
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 606
Iscritto il: 25 nov 2010, 22:00

Messaggioda Paolo Maria Ruscitti » 5 nov 2017, 22:56

Alle prime due domande ti rispondo subito, per la terza mi prenderò un po' più di tempo, ma affronterò la questione "eretica" quanto prima.

1) L'elettronica di gestione delle ASI, tanto per fare un esempio, è praticamente simile per tutti i modelli, così come c'era la piattaforma 3 per le atik, divenuta in seguito 4 e così via. Per esperienza diretta la differenza di costo è da attribuire in massima parte alla differenza di costo dei sensori, costi che non hanno sempre a che fare col numero di pixel e/o la loro dimensione.
2) Al momento a me non interessa il frame rate in senso stretto, quindi non ho bisogno di PC super potenti. Io acquisisco un'immagine di pochi secondi, la scarico, ne acquisisco un'altra e così via. Tra un'integrazione e l'altra può passare anche del tempo. Non acquisisco filmati, ma singole immagine fits per comodità.
3).... pazientare! :)
Avatar utente
Paolo Maria Ruscitti
Quasar Guru
 
Messaggi: 1820
Iscritto il: 6 feb 2006, 3:08

Messaggioda Pering » 6 nov 2017, 18:03

Il cmos di domenico costa di più perchè ha il sistema di raffreddamento, lo stesso modello non raffreddato costa la metà.
Il cmos ha un buon buffer di memoria quindi un comune computer è più che sufficiente per riprendere, domenico ne una uno dell'anteguerra.... (i file che scarica sono a 14 bit), quindi molto piccoli)
Sinteticamente, in posti inquinati fare 60 pose da un minuto o fare 1 posa da 60 minuti non cambia, in posti poco inquinati è meglio fare 1 posa da 60 minuti.
Pering
Quasar Guru
 
Messaggi: 3704
Iscritto il: 22 nov 2010, 14:58

Messaggioda gioveluna » 6 nov 2017, 20:32

:) Grazie Paolo e Edo per il vostro intervento, molto utile.
gioveluna
Quasar Dipendente
 
Messaggi: 606
Iscritto il: 25 nov 2010, 22:00

Messaggioda Paolo Maria Ruscitti » 9 nov 2017, 23:00

Pering ha scritto:...Sinteticamente, in posti inquinati fare 60 pose da un minuto o fare 1 posa da 60 minuti non cambia, in posti poco inquinati è meglio fare 1 posa da 60 minuti.

Chiaramente non condivido questa affermazione così sintetica... :)
Avatar utente
Paolo Maria Ruscitti
Quasar Guru
 
Messaggi: 1820
Iscritto il: 6 feb 2006, 3:08


Torna a CCD, Webcam e fotocamere digitali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Chi c’è in linea

In totale c’è 1 utente connesso :: 0 iscritti, 0 nascosti e 1 ospite (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 56 registrato il 10 mag 2015, 22:36

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Login Form